PERU' - Lima

Viaggio alla scoperta delle comunità Andine

  • Turismo Responsabile , Tour di gruppo
  • 19 giorni / 17 notti
  • Volo di Linea
  • Come da Programma

Conoscere a fondo il Perù, attraverso un’immersione totale nel mondo incaico e andino, culla di antiche civiltà la cui origine ancora oggi è avvolta nel mistero, nello scenario impareggiabile delle innevate e scintillanti vette andine. Tutto ciò sarà possibile grazie ad una serie di incontri con associazioni locali e alla condivisione di alcuni momenti quotidiani con comunità indigene contadine.
L’itinerario parte da Lima dove, oltre alla città, si conoscerà il lavoro che realizza l'associazione "Yachay Wasi" nella baraccopoli di "Corona Santa Rosa" e si potranno visitare anche altre realtà associative che si occupano di sviluppo sociale nella città e in periferia, in particolare dedicandosi alle categorie più sensibili come donne, bambini, sindacati ed organizzazioni del commercio equo-solidale.
Qui si avrà l’occasione di incontrare dei membri dell’Organizzazione OPANL (Observatorio de Prisiones Arequipa Niños Libres). 

Vuoi parlare subito con me? Scegli come!
Dettagli

PROGRAMMA DI VIAGGIO

1° GIORNO
PARTENZA DALL’ITALIA ED ARRIVO A LIMA
Arrivo all'aeroporto di Lima sistemazione nella casa dell’associazione YachayWasi a Tablada del Lurin (periferia Sud di Lima).
- Con i voli che arrivano il pomeriggio: Visita al Centro di Lima. Conosceremo poi il centro storico della città di Lima, con le sue caratteristiche costruzioni coloniali, oltre alle chiese di stile Barocco, alla Plaza Mayor, alla Cattedrale, al Palazzo del Governo e al Palazzo Municipale.

2º GIORNO
PERIFERIA – MUSEO DELLA MEMORIA - BARRANCO
Dopo un'introduzione generale sulla realtà del paese inizieremo la conoscenza della periferia estrema di Lima. Qui si conoscerà il lavoro che realizza l'associazione Yachay Wasi nella baraccopoli di Corona Santa Rosa insieme al popolo che risponde quotidianamente alle sfide dell'emarginazione urbana. Si conoscerà Villa el Salvador e la sua storia di solidarietà e conquiste urbane premiata come città messaggera della pace e con il premio Principe di Asturias per la pace. Dopo si confronterà questa zona con la visita di una zona esclusiva dove si “protegge” parte del segmento di popolazione più ricca. Per pranzo si accompagnerà a mangiare vicino al mare piatti tipici della Costa. Poi si visiterà il Museo della Memoria per ricordare il conflitto armato interno con i suoi orrori, scatenatosi dal 1980 fino al 2000. Serata a Barranco per conoscere i suoi angolini bohemi, con il Ponte dei Sospiri, il punto panoramico, la discesa al mare e la Cappellina della Santìsima Cruz.

3º GIORNO
Centro storico di Lima – Miraflores
La mattinata si conosceranno laboratori di Altromercato Experience i cui prodotti vengono commercializzati dal commercio equo e solidale. In questa mattinata si vedrà il processo di produzione e conoscere le famiglie che vengono valorizzate da questa attività etica. Dopo pranzo si visiterà il Centro Storico della città di Lima, con le sue caratteristiche costruzioni coloniali, oltre alle chiese di stile Barocco, alla Plaza Mayor, alla Cattedrale, al Palazzo del Governo e al Palazzo Municipale. La sera si visiterà il quartiere di Miraflores con il suo panoramico lungomare e si tornerà a casa.

GIORNATA A CARAL (*)se si riducono le visite dei primi giorni Giornata interamente dedicata al sito archeologico di Caral, un grande insediamento che si sviluppò tra il 3000 e il 2000 a.C. nella valle di Supe, 200 km a Nord di Lima. È la seconda civiltà più antica al mondo, dopo la Mesopotamia ed è un sito molto studiato anche per la sua eccezionale estensione (circa 66 ettari). L'archeologa Ruth Shady esplorò le numerose piramidi di 5000 anni presenti in questa area di deserto peruviano, il complesso sistema di templi, l’anfiteatro e numerose case che a tutt’oggi sono ancora oggetto di studio e di scavo. Il complesso urbano contiene piazze ed edifici residenziali. Tutto testimonia che Caral era una metropoli fiorente nel periodo addirittura anteriore a quando furono costruite le grandi piramidi d'Egitto; era una città dedita al commercio e non alla guerra, con fitti rapporti economici con la costa fino all’attuale Ecuador, con l’area andina, fino all’Amazzonia. Attorno al sito principale se ne sono rinvenuti molti altri di minori dimensioni ma con simili caratteristiche che mostrano confermano come Caral fosse il fulcro di un’intera civiltà, che intesseva relazioni anche in aree molto distanti (fino in Amazzonia ed Ecuador).

(*) - Visita con gruppo locale (possibile solo di domenica e previa prenotazione): Euro 70 a persona. - Visita con pulmino privato (da 2 passeggeri in su): Euro 95 a persona.

4° GIORNO
VISITA A PACHACAMAC - PISCO
Mattina alle 9.00 visita nel sito archeologico di Pachacamac (10 Km da Tablada a sud di Lima) potremo conoscere il maggior centro cerimoniale della costa sia prima che dopo la conquista dell'impero incaico ed ammirare parte dei manufatti rinvenuti nel Museo del Sito. L'antica città è uno dei siti archeologici più importanti del Perù. È situata a circa 40 km a Sud-Est di Lima, nella Valle del fiume Lurín, su un promontorio desertico, a meno di un chilometro dal mare. Il sito ha visto una lunga frequentazione: la maggior parte degli edifici e dei templi risale al periodo compreso tra l'800 e il 1450 d.C., ma alcune costruzioni, tra cui diverse piramidi, un cimitero, alcuni affreschi ed una serie di costruzioni, chiamate "adobitos" (costruite, cioè, con mattoni di "adobe" di piccole dimensioni) sono più antiche e risalgono al 200 a.C. - 600 d.C. Un periodo di fiorente attività fu tra il 600 - 800 d.C. quando la civiltà Huari si adoperò per costruire una vera e propria città, facendone uso, probabilmente, come centro amministrativo. In seguito alla conquista incaica, il sito mantenne il suo carattere cerimoniale e venne ulteriormente ampliato con altri cinque edifici, compreso il Tempio del Sole, situato sulla piazza principale. Verso mezzogiorno si proseguirà con guida e pulmino privato dove ci si potrà fermare al Km 52 della Panamericana Sur per poter mangiare panini o piatti tipici appena usciti dal forno. Si proseguirà a visitare il fondo: Hacienda de San José, situato nel paese El Carmen, culla della cultura afro-peruviana. La visita permette di conoscere la dura e disumana condizione degli schiavi provenienti dall’Africa nel latifondo dell’Epoca. Si visiteranno gli ambienti della Hacienda e come venivano sottomessi gli schiavi fino agli inizi dell’800. Le gallerie sotterranee, gli attrezzi di sottomissione, la stanza delle torture e la cappella familiare. Il tutto in un paesaggio bellissimo di coltivazione del cotone ed altri prodotti del posto. Sera: arrivo a Pisco, dalla famiglia Pacheco. Serata libera.

5° GIORNO
PISCO: ISOLE BALLESTAS
La mattina presto la famiglia Pacheco accompagnerà a prendere l'imbarcazione per le isole Ballestas. Qui si potranno ammirare le bellissime isole, dove scopriremo nel loro habitat naturale i leoni marini, trichechi, pinguini ed un numero enorme di uccelli marini, in contrasto con l’ambiente desertico che rende il clima affascinante. Al ritorno si visiterà la “Reserva de Paracas” dove si ammirerà un paesaggio desertico unico e in particolari periodi anche fenicotteri. Si potrà pranzare dentro la riserva ecologica piatti tipici soprattutto a base di pesce. Nel pomeriggio si partirà, con il pulmino privato per la città di Nasca. Prima dell’arrivo a Nasca si farà una sosta all’oasi della Huacachina, meraviglioso lago attorno a palme in mezzo ad un esteso deserto ed a dune altissime, dove si potrà realizzare anche il sundboard o buggy. Arrivo a Nasca e serata libera.

6° GIORNO 
NASCA
A Nasca saremo accompagnati da Hilda, ottima conoscitrice della storia e cultura della zona di Nasca e ci mostrerà il famoso museo di Maria Reiche, tedesca esperta delle linee di Nazca a cui ha dedicato quasi tutta la sua vita. Poi si potranno vedere 2 figure delle linee da una torre che costituisce uno spettacolare punto panoramico*. Le linee di Nasca furono tracciate sulla sabbia del deserto circa 2000 anni fa; questi solchi ricompongono figure geometriche zoomorfe dal significato ancora oggi sconosciuto. La visita continua nell'interessantissimo Acueductos, antico ed impressionante acquedotto della cultura Nazca che ancora oggi porta acqua agli abitanti della città di Nazca in pieno deserto durante tutto l’anno. Poi si chiuderà con la visita all'interessantissimo museo Antonini. Serata libera e partenza per Arequipa alle 22.00. Si viaggerà tutta la notte in autobus gran turismo Cruz del Sur, arrivando a destinazione il mattino successivo. *È possibile (con supplemento pagato in loco) effettuare la visita alle linee anche dall’alto con l’aeroplano.

7° GIORNO
AREQUIPA
Arrivo ad Arequipa, la “città bianca”. Si conoscerà Roberto o altri membri dell’Organizzazione OPANL (Observatorio de Prisiones Arequipa Niños Libres) che accompagnerà a visitare la città costruita con le bellissime pietre bianche: la cattedrale, la Chiesa della Compagnia e si conoscerà anche il famosissimo Convento di Santa Catalina. Nel pomeriggio si conoscerà il lavoro dell’associazione OPANL attraverso una delle esperienze dell’organizzazione, nella periferia della città.

8° GIORNO
PARTENZA PER PUNO

La mattina partenza alle 7.30 da Arequipa per Puno. Qui si passerà da una riserva, dove si ammirano Alpache, Vigogne e altri animali tipici. Arrivo a Puno (3.800 mt) e trasferimento in albergo. Riposo e acclimatamento alla quota. Pomeriggio libero. Si potrà passeggiare al centro della città, conoscere la cattedrale, La Casa del Regidor (con negozi legati al commercio equo e solidale) e la turistica calle Lima. Facoltativamente si potrà osservare il lago Titicaca da uno dei punti panoramici della città.

9° GIORNO
UNOCOLLA (JULIACA)

La mattina i responsabili dei comitati del Minka di Unocolla, (40 km da Puno), in provincia di Juliaca, verranno per accompagnare alla loro comunità immersa in mezzo alle Ande, lontana dagli itinerari turistici. Si conoscerà l’organizzazione legata, tramite la rete del Minka, al commercio equo e solidale. Si potrà scoprire come trasformano la fibra di alpaca in maglioni e in altri oggetti tipici. Si tornerà a Puno nel pomeriggio. Serata libera. La sera verrà all’albergo un responsabile dell’isola di Taquile e ci si metterà d’accordo per il giorno dopo. Serata libera.

10° GIORNO
LAGO TITICACA - TAQUILE

La mattina alle 7.30 circa ci s’imbarcherà per Taquile. Si passerà per le isole flottanti “Uros”, costruite solo con la totora, un giunco che cresce nello stesso lago. All'isola Taquile i dirigenti della comunità del villaggio legati anche loro al MINKA ospiteranno presso delle famiglie del posto. Dopo pranzo si visiterà l’isola immersa nel lago Titicaca e i suoi meravigliosi paesaggi oltre ai resti di un’antica cultura presente nell’isola. In serata si ammirerà il poetico tramonto.

11° GIORNO
TAQUILE

Tutta la mattinata si starà con questa comunità che mantiene tutte le tradizioni andine quechua che avremo dunque l’opportunità di conoscerle. Dall’arte dell’agricoltura all’organizzazione tipica dei Quechua. Nel pomeriggio ritorno a Puno e pernottamento nella città. Serata libera.

12° GIORNO
PUNO - CUZCO (QOSQO)

La mattina, partenza per Cuzco. Il viaggio prevede 4 soste per visite a centri archeologici molto interessanti tra cui una sosta in un ristorante a buffet. Arrivo a Cusco verso le 5 di sera e sistemazione presso il Caith, un´istituzione impegnata nella promozione integrale delle bambine lavoratrici domestiche, che possiede una casa alloggio. Serata libera.

13° GIORNO
VISITA Al QOSQO

Nella mattinata visita alle bellezze della città, in particolare alla Cattedrale e al Coricancha (dalla parola Quechua Quri Kancha, “cortile d’oro”), identificato con il Tempio del Sole del Qosqo, l’area sacra più importante di tutto l’Impero Inca. Successivamente, andremo a visitare le rovine inca vicine alla città. Prima visiteremo Tambomachay, i “bagni dell’Inca”, passeremo per la fortezza di Puka Pukara (un tambo usato dai “Chaskis”), visiteremo il tempio della Luna (osservatorio astronomico lunare), la huaca di Qenqo (il tempio del serpente, del condor e del puma), per terminare con l’incredibile fortezza di Sacsayhuaman e le sue imponenti muraglie.

14° GIORNO
VALLE SACRA

Alle 9:30 si parte per andare alla scoperta della Valle Sacra degli Inca. Si inizia con Pisaq, le cui rovine si trovano in cima ad un colle dai ripidi fianchi terrazzati. Per la sua estensione, è probabile che in antico questo fosse un sito molto importante. L’intero complesso è suddiviso in quartieri, ciascuno con una diversa funzione, interconnessi tra loro da un sentiero di terra battuta. Il quartiere meglio conservato è quello dedicato all’Inca e all’alta corte imperiale: è costruito con il classico stile Inca, con pietre perfettamente tagliate ed incastrate, mura inclinate, finestre trapeziodali. Nel moderno paese di Pisaq potremo visitare il mercato artigianale, unico al mondo, dove colori e odori si fondono con un’architettura coloniale. Le bancarelle sono sempre piene di oggetti coloratissimi e molto invitanti ed offrono la possibilità di acquistare molti manufatti prodotti localmente, soprattutto tessuti di alpaca e strumenti musicali. Proseguiremo il percorso scendendo verso i giardini di Tipon. Questo antico sito inca era probabilmente un parco per la classe nobile od un centro agricolo. L’acqua è l’elemento principale, e centinaia di metri di canali sono stati scavati per irrigare le fertili terrazze. Ancora oggi gran parte di questi canali è funzionante ed in perfette condizioni. Attorno all’area principale sono stati portati alla luce resti inca di palazzi e fortezze, ma molto rimane ancora da scoprire nel sottosuolo. Al termine della visita torneremo a Cuzco.

15° GIORNO
VALLE SACRA - AGUAS CALIENTES

Al mattino partiremo per Chincheros, dove visiteremo il Tempio dell’Arcobaleno ed i mercatini tipici; interessante è la sosta ad un laboratorio artigianale in cui si producono tessuti con tecniche ancestrali che poi vengono tinti con colori naturali. Proseguendo il nostro viaggio visiteremo Moray (antico sito inca in cui enormi terrazzamenti esposti al sole ospitavano probabilmente un laboratorio agricolo ed esperimenti sui diversi tipi di coltura), e il paese di Maras, con le impressionanti saline immerse in un paesaggio da mozzare il fiato. Passeremo poi per Urubamba e proseguiremo per Ollantaytambo, la meraviglia inca, con la sua fortezza ed il paesino perfettamente conservati. Qui prenderemo il treno per Aguas Calientes, la stazione di partenza per visitare Machu Picchu. All’arrivo, dopo la sistemazione in hotel, in base all’orario sarà possibile bagnarsi nelle acque termali dei “bagni dell'Inka” (aperti fino a tardi) o godersi una passeggiata nella vegetazione tipica della zona che è foresta alta.

16° GIORNO
MACHU PICCHU

La mattina all'alba si salirà alla cittadella di Machu Picchu. Dopo il tour di 2 ore si rimarrà lì per il resto della mattinata contemplando quella che è considerata una delle 7 meraviglie del mondo moderno. Possibilità di salita a la Montaña, la parte opposta a Huayna Picchu. Nel pomeriggio si ritornerà a Cuzco sempre al “Caith”.

17° GIORNO
CUZCO – GIORNO LIBERO

Questa giornata sarà libera per dedicarsi ad interessi personali o si possono programmare visite ai dintorni di Cuzco e ai numerosi musei. È possibile anche una visita ai progetti sociali del Caith a Huancarani, nella provincia di Paucartambo a 2 ore da Cuzco. Nel cammino si osservano paesaggi meravigliosi. Una volta arrivati si potrà partecipare attivamente alle riunioni comunali e lavori sociali.

18° GIORNO
CUZCO – LIMA

Partenza per volo interno ad orario convenuto da Cuzco per raggiungere Lima e quindi in serata partenza per l’Italia.

19º GIORNO
Arrivo in Italia


Il viaggio è con un coordinatore locale. Si prevede il viaggio con accompagnatore per tutto il viaggio o quando si parla del viaggio senza accompagnatore è previsto in ogni caso per ogni tappa che si incontra appena si scende dall'autobus all'arrivo in ogni città. I trasporti interni sono con autobus e un collegamento aereo interno. Alloggio in piccole pensioni a gestione familiare, presso famiglie o organizzazioni locali.

Il programma di viaggio può subire variazioni sia per quanto riguarda gli incontri che l’itinerario. Tali modificazioni possono essere determinate dalla momentanea indisponibilità delle comunità ospitanti o da variazioni delle condizioni sociali ed ambientali che si determinano nel momento in cui si effettua il viaggio.

MODALITÀ DI EFFETTUAZIONE DEL VIAGGIO
Viaggio effettuato in modalità “pacchetto tutto compreso” più “fondo personale”. Viaggio con coordinatore locale e accompagnatore italiano (previsto solo per gruppi di almeno 8 persone), trasporti interni con autobus gran turismo, un collegamento aereo interno, alloggio in piccole pensioni a gestione familiare, presso famiglie locali e nella casa alloggio del Caith. Alcune parti del viaggio sono autogestite (quando non c’è l’accompagnatore). L’accompagnatore italiano è un accompagnatore non professionista che funge da coordinatore e mediatore culturale.

Vuoi parlare subito con me? Scegli come!
Date e prezzi
Prezzo
15/08/20 / 08/01/21
Quota per persona in camera doppia base 2 partecipanti
€ 2650
Vuoi parlare subito con me? Scegli come!
Incluso/Escluso

La quota si intende a persona ed è soggetta a riconferma al momento della prenotazione; eventuali variazioni dipenderanno dalla disponibilità delle classi di volo al momento della conferma.

Numero minimo richiesto 2 persone. 
Eventuali partenze individuali vengono quotate su richiesta.

La quota di partecipazione comprende:
- Pullman di collegamento per tutte le destinazioni
- Accompagnamento ed entrata nei singoli luoghi e musei visitati
- Tutti i pernottamenti con colazione
- Il biglietto di ingresso per la salita a la Montaña
- Tutte le escursioni in programma
- Tasse municipali e aeroportuali eccetto quelle contenute nel fondo personale
- Assicurazione medico-bagaglio (massimale medico € 30.000)
- Assicurazione contro annullamento viaggio
- Organizzazione tecnica

La quota di Fondo Personale comprende:
- Tutti i pranzi e le cene: si prevede un menù al prezzo di 20 soles a pasto (circa 6 €), per un totale di circa 200 €. Si pranzerà in luoghi semplici dove il cibo è sicuro, su consiglio dell’accompagnatore
- Tasse di imbarco in alcuni terminal autobus (€ 3)

La quota non comprende:
- Le bevande
- Volo intercontinentale e volo interno
- Supplemento per visita facoltativa al sito archeologico di Caral: Euro 70 a persona (con gruppo, solo la domenica) o Euro 95 a persona (con pulmino privato, fino a 3 persone)
- Tutto quanto non espressamente citato alla voce “la quota comprende”

Supplemento per il periodo dell’ Inti Raymi è di 145 euro.
Supplemento singola 150 euro.
INCA TRAIL a MACHU PICCHU: 4 giorni /3 notti 550 euro; 2 giorni/1 notte 400 euro.

La cifra stabilita prevede un certo tipo alloggio e nel caso si desiderino delle sistemazioni diverse il maggior valore sarà a carico del cliente.

NUMERO MINIMO PARTECIPANTI: 2 persone.
Il numero totale di partecipanti e la conseguente presenza dell’accompagnatore sarà reso noto a 20 giorni dalla partenza.

Vuoi parlare subito con me? Scegli come!
Appunti di Viaggio

INFORMAZIONI GENERALI

DOCUMENTI NECESSARI PER VIAGGIATORI DI NAZIONALITA' ITALIANA

E' necessario il passaporto con validità residua di almeno 6 mesi al momento dell' arrivo nel paese.
All'ingresso in Perù, compilando un modulo che si riceverà in aereo prima di atterrare, si riceve un visto turistico di 90 giorni.

SPOSTAMENTI- TRASPORTI: Le prenotazioni dei pullman dei trasferimenti interni verranno consegnate a Lima da G.Vaccaro. Non sono previsti lunghi percorsi a piedi.
Il nostro viaggio non prevede in nessuna delle località che si visitano dei tratti di percorso a piedi. È possibile soprattutto al Cusco compiere dei percorsi con guide per ascendere al Machu Picchu (trekking dell' Inca) da prenotare con un certo anticipo. In ogni caso è assolutamente facoltativo. Il trekking può durare 1 -2 -3 giorni e non è particolarmente difficile.
Gli spostamenti a Lima avvengono con pulmino privato, i trasferimenti sulle lunghe distanze (Lima - Nazca, Nazca - Arequipa, Arequipa - Puno con pullman gran turismo di linea, la tratta Puno - Cuzco con il pullman turistico che permetterà visitare alcuni siti durante il cammino, ed infine la tratta Cuzco - Lima con un volo di linea).
Giovanni Vaccaro, il nostro coordinatore del viaggio che risiede a Lima, si incarica di prenotare tutti gli spostamenti, per questo viene richiesto il numero di passaporto e la data di nascita (indispensabili per la prenotazione).
L'unico tratto di viaggio che viene fatto di notte è il percorso Nazca – Arequipa.
Una volta entrati nell’area archeologica di Machu Picchu, ricordiamo che la salita al Wayna Picchu è facoltativa e prevede una prenotazione precedente (che è meglio effettuare direttamente in agenzia prima della partenza, dato il numero limitato di posti disponibili al giorno) e un supplemento da pagarsi in loco.

MUSEI: A Lima sono inclusi nel nostro viaggio il Museo de la Nación e il Museo di Pachacamac.
Altri musei, come il museo di antropología e archeología o il museo dell’ oro (che è privato) si
possono visitare, ma il costo è a parte. I musei il lunedì sono normalmente chiusi.

SISTEMAZIONI – ALLOGGI: A Lima si è ospitati a casa di Giovanni Vaccaro (nostro coordinatore del viaggio) o di altre istituzioni che lavorano con i bambini. Tutte le sistemazioni sono decorose, e non richiedono particolari doti di adattamento. A Pisco e a Palpa si sarà ospiti da famiglie del luogo. Ad Arequipa e Puno si è ospitati in piccoli alberghi molto accoglienti. Sul lago Titicaca dalla Comunità (questa è la notte più spartana del viaggio). Nell'isola non c'è l'energia elettrica e si consiglia portarsi una torcia. In nessun viaggio viene richiesto il sacco a pelo. Quando si è al Cuzco si è ospiti del CAITH, un'istituzione che lavora con le bambine "invisibili" delle Ande, la sistemazione è molto decorosa ed accogliente.

VACCINAZIONI

Obbligatorie solo per la selva amazzonica: febbre gialla; la vaccinazione contro la febbre gialla e la profilassi antimalarica sono consigliate a coloro che effettuino un viaggio comprendente l'area amazzonica in Perù o in Ecuador o la regione di Santa Cruz in Bolivia. In particolare segnaliamo che la febbre gialla (validità 10 anni) è obbligatoria per coloro che si rechino nell'area di Puerto Maldonado.
Consigliate: antitifica sempre.

CLIMA

Sulla costa: la temperatura varia tra i 13 e 15 gradi però la sensazione è di freddo per la forte umidità. L'abbigliamento consigliato è quello autunnale in Italia. A Lima la temperatura media è di 18°, senza sole nei mesi da aprile a novembre; 25° - 28° nei mesi estivi.
Sulle Ande: clima secco con sbalzi di temperatura durante il giorno tra la mattina presto, sera (3-4 gradi) e mezzodì molto caldo.

ALTITUDINE

L'altitudine preserva le regioni andine dai rischi sanitari propri delle aree subtropicali ma può comportare problemi di adattamento durante i primi giorni di permanenza in quota. Infatti un organismo abituato a vivere a bassa quota è incapace di adattarsi rapidamente alla diminuzione di ossigeno che inizia a manifestarsi a partire dai 2000 metri. Maggior affaticamento, mal di testa, debolezza diffusa, insonnia, mancanza di appetito, leggera nausea, leggera tachicardia e talvolta tossi o laringiti sono alcuni sintomi del mal di montagna (in peruviano soroche) che accusa generalmente il turista durante i primi giorni di permanenza e costituiscono reazioni normali di adattamento dell' organismo alla quota elevata. Si tratta generalmente di sintomi lievi che scompaiono in un paio di giorni. Nell'eventualità comunque che un partecipante accusasse una seria sintomatologia i medici locali offrono una qualificata assistenza. La migliore prevenzione al mal di montagna si basa su semplici accorgimenti: durante i primi giorni in altitudine è buona norma evitare il fumo, l'alcool, le fatiche o camminate eccessive e gli appesantimenti di stomaco. Riposo, moderato consumo di cibo, abbondante ingestione di liquidi e caldi capi di vestiario sono i primi accorgimenti da tenere presenti.
L'altitudine inoltre può provocare, soprattutto in presenza di clima secco e ventoso, leggeri sintomi di disidratazione ai quali è possibile ovviare bevendo molti liquidi per facilitare l'ossigenazione e lo smaltimento delle tossine.
Negli alberghi situati nelle località che si trovano ad altitudini elevate, è consuetudine offrire il famoso mate de coca, infuso di foglie di coca molto diffuso nei Paesi andini, che ha effetti tonificanti sull'organismo e può contribuire a prevenire o alleviare i sintomi del mal di montagna.
Nella Selva: clima caldo umido con pioggia intermittente.

LA SALUTE DURANTE IL VIAGGIO

L'affluenza sempre maggiore di visitatori da tutto il mondo ha contribuito a migliorare i collegamenti interni, soprattutto aerei, con voli giornalieri anche frequenti tra le principali località e la capitale dove si trovano le strutture ospedaliere più attrezzate. Esistono poi, nelle città più importanti come Cuzco, Arequipa, Trujllo, cliniche private di buon livello.
Ad elevate altitudini è probabile che si verifichino problemi alle vie respiratorie, quali mal di gola, raffreddori…
In Perù si trovano tutti i tipi di medicinali, però è consigliabile riferirsi al principio attivo piuttosto che al nome commerciale. (es. Paracetamolo invece di Tachipirina). Zanzare sul Machu Picchu ed eventuali problemi intestinali.
Pertanto si consiglia: Bactrim - Aspirina effervescente - Autan forte.
Sul posto si acquista Tonopam per il male d'altezza.
Le medicine si possono acquistare tutte sul posto "a numero" (es. 3 aspirine). Non serve l'Amuchina.

PRECAUZIONI IGIENICHE

In viaggio è sempre bene tenere presenti alcune semplici regole igienico-sanitarie atte a prevenire quelle problematiche determinate dal cambiamento di clima, ambiente, abitudini alimentari, che ogni viaggiatore esperto ha fatto proprie:
- Non bere mai acqua che non sia bollita o acqua e bevande che non siano contenute in bottiglie sigillate
- Evitare l'uso del ghiaccio
- Evitare il latte e i suoi derivati, a meno che siano stati preventivamente pastorizzati
- Evitare il consumo di verdure, carne e pesci crudi e optare per la frutta che si deve sbucciare
- Non acquistare i cibi dagli ambulanti
- Non camminare a piedi nudi

A CHI È SCONSIGLIATO IL VIAGGIO IN PERÙ

È sconsigliata la visita delle località poste a notevoli altitudini senza avere prima interpellato un medico a coloro che soffrono di:
- Disturbi cardiocircolatori come cardiopatie o ipertensione arteriosa
- Disturbi respiratori come bronchiti recidivanti, asma, enfisema

VALUTA

È il Nuevo Sol. Si consiglia portare dollari e in appoggio la carta di credito Visa o Master Card così si possono ritirare direttamente i soldi dal Bancomat.
Il cambio da dollari a Nuevo Sol si può fare in strada con cambisti autorizzati.

FUSO ORARIO

Ora legale: 6 ore
Ora solare: 7ore

CUCINA

La cucina è molto variata secondo le zone
Nella costa: cucina creola: pesce marinato e in zuppa; arrosti con salse piccanti; pollo con riso; o in salse varie; spezzatini
Nelle Ande: brodi; carne; verdure; patate; Mais
Nella Selva: pesce, cinghiale, verdure, gran varietà di frutta durante tutto l'anno

Viaggio di interesse prevalente etnico e culturale

Il Perù, dopo gli anni di guerra civile cha ha contrapposto l’esercito e la formazione di guerriglia atipica di “ Sendero Luminoso “, sta attraversando un lungo periodo di transizione politica ed economica. Dalla fine del fenomeno senderista tutti i governi che si sono succeduti hanno chi in maniera più marcata chi meno condiviso politiche di liberalizzazione del mercato, attraverso l’attuazione di privatizzazione delle imprese pubbliche e tagli sulla spesa pubblica soprattutto a carico di settori di base come la sanità e l’istruzione.
Questo ha determinato un incremento dei costi per l’accesso ai servizi primari, e un divario sempre più marcato tra le classi sociali. Nella città di Lima la povertà è andata aumentando e così anche la povertà estrema. Ciò determina esclusione ed emarginazione, alimentata, peraltro, da un processo di discriminazione etnica e culturale delle comunità indigene sia andine che della foresta.
La povertà e la emarginazione di queste comunità ha spinto negli anni processi di urbanizzazione verso la capitale alimentando il nascere continuo di insediamenti umani (pueblos jovenes) nella periferia di Lima che oggi conta più di 9 milioni di abitanti su una popolazione complessiva di 31 milioni.
La Asociación de Desarrollo Solidario “Yachay Wasi de Tablada” è nata per rispondere ai livelli di marginalizzazione dei cosiddetti “pueblos jòvenes”. L’obiettivo dell’associazione è stato quello di creare spazi vitali nei nuovi insediamenti, con progetti di educazione e di lavoro comunitario per lo sviluppo umano attraverso il coinvolgimento delle donne, bambini, giovani e dirigenti della comunità, nei quartieri urbani marginali di Corona de Santa Rosa, Praderas del Sur e 9 de Julio della Tablada de Lurin, nel distretto di Villa Maria del Trionfo (Lima).

Vuoi parlare subito con me? Scegli come!

Mappa

Vuoi maggiori informazioni su questa offerta?

Compila il modulo qui sotto e ti contatteremo per creare insieme il tuo viaggio


Riferimenti contatto


Tutto quello che vuoi raccontarci (domande, richieste particolari, altro...)


Newsletter X

Non perderti le migliori offerte della settimana!
Lascia qui la tua email per ricevere ogni settimana le offerte più interessanti e uniche!